La bibliothèque numérique kurde (BNK)
Retour au resultats
Imprimer cette page

La Peste la Fame la Guerra


Auteur : Ettore Mo
Éditeur : Hoepli Date & Lieu : 1987, Milano
Préface : Pages : 336
Traduction : ISBN : 88-203-1615-3
Langue : ItalienFormat : 135x215 mm
Code FIKP : Liv. Ita. Mo. Pes. N°2655Thème : Général

Présentation Table des Matières Introduction Identité PDF
La Peste la Fame la Guerra


La Peste la Fame la Guerra

Ettore Mo

Hoepli

Ayacucho, nella Sierra peruviana, dove si confrontano militari e guerriglieri di Sendero Luminoso. “La regione di Ayacucho è il cimitero di questa ‘sporca guerra’. Un cimitero senza croci, di poveri contadini analfabeti, ammazzati dagli uni o dagli altri, non essendo loro consentito il privilegio della neutralità... in un bosco di Capitan Pampa, dove affiorano centinaia di ossa umane, vediamo una minuscola treccia bruna con un fermaglio di metallo e il cranio di un bambino traforato da un proiettile. Chi è stato?
Sendero? I militari?... Su un camion che ci accompagna a Quanta diamo un passaggio a una ragazza che è lì ferma con un fagotto. Si chiama Mercedes, ha 14 anni, è molto graziosa e la gonna a fiori e un pulloverino rosa con qualche buco e con qualche macchia che il sapone non è riuscito a lavare, non tolgono nulla alla sua grazia adolescente. La sola piccola vanità che si è concessa è una spilla di plastica azzurra nei capelli.

“Non conosco la tua lingua, perciò ti saluto in spagnolo, querìda linda ...



Ettore Mo
è nato il 1 aprile 1932 a Borgomanero in provincia di Novara. Vive ad Arona con la moglie inglese e tre figli.
Dopo aver tentato la carriera di cantante lirico e praticato svariati lavori precari (di barista, insegnante, infermiere), inizia a scrivere nel 1963 sul “Corriere della Sera”, di cui è attualmente inviato, prevalentemente in zone di guerra.

Ha ottenuto per la sua attività numerosi riconoscimenti, tra questi: il Premiolino nel 1980, il Premio Max David per gli inviati speciali nel 1981, il Premio Saint Vincent per il giornalismo nel 1983, il Premio Giornalista dell’Anno nel 1985, il Premio Hemingaway nel 1985.

Indice. Introduzione - La peste, la fame, la guerra - Diario dall’Afghanistan -Nel Kurdistan, con i guerriglieri - Iran, Irak: nel nome di Allah - Medio Oriente - Cambogia - India - America Latina - Carbone d’Europa: fine di un’epoca.

 



Fondation-Institut kurde de Paris © 2018
BIBLIOTHEQUE
Informations pratiques
Informations légales
PROJET
Historique
Partenaires
LISTE
Thèmes
Auteurs
Éditeurs
Langues
Revues