Pirtûkxaneya dîjîtal a kurdî (BNK)
Retour au resultats
Imprimer cette page

Lo Shatt Al-'Arab


Nivîskar : Vincenzo Strika
Weşan : Istituto Universitario Orientale Tarîx & Cîh : 1983, Napoli
Pêşgotin : Rûpel : 154
Wergêr : ISBN :
Ziman : ÎtalîEbad : 160x235 mm
Hejmara FIKP : Liv. Ita. Str. Sha. N°925Mijar : Giştî

Danasîn Naverok Pêşgotin Nasname PDF
Lo Shatt Al-'Arab


Lo Shatt Al-'Arab

Vincenzo Strika

Istituto Universitario Orientale

Non pochi studiosi attribuiscono alla complessità etnica e religiosa dell’Iraq i suoi maggiori problemi. Nel 1921 la popolazione era di 2.849.282 abitanti così distribuiti: 2.640.700 musulmani (800.000 dei quali nomadi); 87.488 ebrei e 78.792 cristiani, questi ultimi distribuiti in varie comunità, parte appartenenti alla Chiesa romana, parte alle varie chiese d Oriente. Esistevano poi piccole comunità di yazidi, mandei e bahà i. Quanto ai musulmani: 1.492.015 erano sciiti e 1.131.685 sunniti. Etnicamente gli arabi erano 2.206.192, i curdi 499.336, i persiani 80.908, 60.493 i turcomanni e 87.488 gli ebrei1.

Nel 1958 2 * la popolazione irachena era salita a 4.450.000 unità, di cui 3.568.000 arabi, 792.000 curdi, 40.000 persiani, 190.000 cristiani, 15.000 ebrei ecc. Degli arabi 1.400.000 erano sunniti e 2.100.000 sciiti. Avremmo quindi una netta superiorità della comunità sciita, ma tenendo conto che i Curdi sono in massima parte sunniti le due comunità sono circa uguali. Ma come si sa la comunità curda mal si riconosce nello stato iracheno e costituisce un problema ...



Weqfa-Enstîtuya kurdî ya Parîsê © 2019
PIRTÛKXANE
Agahiyên bikêr
Agahiyên Hiqûqî
PROJE
Dîrok & agahî
Hevpar
LÎSTE
Mijar
Nivîskar
Weşan
Ziman
Kovar